World Rowing Tour: oggi l’ultima tappa in acqua, domani visita alle città di Lugano e Luino

 2015-09-18 16.30.38Ultimi chilometri in acqua, oggi, per i 74 partecipanti al World Rowing Tournelle acque del lago Maggiore. Ritrovo a Laveno alle ore 9, imbarco per Pallanza dove, con all’aiuto dello staff dell’allenatore Mauro Petoletti, i vogatori guadagnano la via del lago Maggiore e prendono la direzione di Intra. Diciotto chilometri, alla volta di Cannero. Pranzo e ripartenza verso Cannobio, con possibilità di vedere i castelli collocati a circa 300 metri dalla costa. Successivamente accoglienza a cura dell’allenatore Roberto Cavalli alla presenza, anche, delle autorità locali. Ultimo breve tratto, con onde e forte vento da Nord, per raggiungere nuovamente Maccagno. Bravi, negli ultimi due chilometri, tutti gli equipaggi nel governare le proprie imbarcazioni. In totale, a causa delle condizioni meteorologiche piuttosto difficili, sono 25 i chilometri percorsi a differenza dei 22 preventivati. Domani, dalla Schiranna, i 74 partecipanti raggiungeranno in autobus Lugano dove avranno modo di visitare la città e vedere, senza remare, il lago Ceresio. Pranzo, alle 13, sullo stretto di Lavena Ponte Tresa. Alle 16:30 tutti a Luino per apprezzarne le sue peculiarità turistiche. Ritorno, in serata, a Maccagno per la cena di saluto.

Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore è curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino).  Strettissima la collaborazione con AREU Lombardia, Croce Rossa Italiana, OPSA, Società Nazionale Salvamento, Federazione Ticinese Servizi Ambulanze, Protezione Civile Luino e Sub Alto Verbano che si occupano del comparto Safety. La Security è demandata alla interconnessione sinergica dei reparti navali della Polizia Nautica Provinciale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Qualificata anche la presenza delle aziende Partner coinvolte nel supporto degli eventi; oltre al citato Cantiere Filippi, tra i principali si annoverano ICIM, 6DVision, NovaCOOP, Autolinee Varesine e Banca Popolare di Bergamo.

La quinta tappa del World Rowing Tour porta i vogatori alle Isole Borromee e Pallanza

canottaggio_worldrowingtour_barcaLa tappa più lunga e faticosa del World Rowing Tour sulle acque del lago Maggiore. Ben trentacinque chilometri, tra Sesto Calende e Pallanza. Fatica ottimamente ripagata dallo splendido scenario delle Isole Borromee, molto apprezzate dai 74 vogatori in arrivo da ben 19 nazioni e protagonisti di questa settimana di sport, cultura e turismo. La quinta sessione di voga prende il via alle 9:30 quando, arrivati tutti quanti a Sesto Calende (meta di ieri),  lo staff della Canottieri Luino assiste i vogatori per l’imbarco. Partenza alle ore 10 con molte nuvole in cielo, per fortuna senza pioggia. La direzione è verso Arona con passaggio successivo a Lesa. Qui si svolge la pausa pranzo con l’accoglienza da parte della Canottieri Lesa di Roberto Ferrari. Alle 13:30 gli equipaggi ricominciano a remare verso Baveno e, quindi, le canottaggio_worldrowingtour_isolabellaIsole Borromee. I sedici 4 di coppia Coastal realizzano una sorta di 8 attorno a Isola Bella e Isola dei Pescatori. Tutto questo, prima di raggiungere Isola Madre distante meno di un chilometro da Pallanza. La locale Canottieri, con l’allenatore Mauro Petoletti e tutta la squadra, saluta tutti i canottieri stranieri e li aiuta a sistemare le imbarcazioni nella piazza principale. Verso le 17:30 è il momento di prendere il traghetto verso Laveno dove ad attenderli c’è il pullman pronto a raggiungere l’Hotel Mariuccia alla Schiranna di Varese. Opportunità quindi, per vedere il lago Maggiore sotto un’altra prospettiva.

canottaggio_worldrowingtour_pallanzaDomattina alle 10:30 il via da Pallanza con sosta a Cannero non soltanto per il pranzo ma anche per vedere i castelli. L’arrivo a Maccagno è previsto per le 16:30. In totale 22 chilometri di percorso.

Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore è curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino).  Strettissima la collaborazione con AREU Lombardia, Croce Rossa Italiana, OPSA, Società Nazionale Salvamento, Federazione Ticinese Servizi Ambulanze, Protezione Civile Luino e Sub Alto Verbano che si occupano del comparto Safety. La Security è demandata alla interconnessione sinergica dei reparti navali della Polizia Nautica Provinciale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Qualificata anche la presenza delle aziende Partner coinvolte nel supporto degli eventi; oltre al citato Cantiere Filippi, tra i principali si annoverano ICIM, 6DVision, NovaCOOP, Autolinee Varesine e Banca Popolare di Bergamo.

Foto Claudio Cecchin

Da Arolo a Sesto Calende passando per Angera: in archivio anche la 4a tappa del World Rowing Tour  

CEC_2012]Procede il World Rowing Tour sulle acque del lago Maggiore, un grande evento internazionale che, caratterizzato dalla partecipazione di 74 vogatori in arrivo da ben 19 nazioni, unisce sport, turismo, valorizzazione del territorio, socialità e cultura. Quarta tappa effettuata oggi, dopo una visita di oltre un’ora al Monastero di Santa Caterina del Sasso con due guide inglesi messe a disposizione dalla Provincia di Varese e dopo aver atteso migliori condizioni climatiche alla Canottieri Arolo. Pioggia a catinelle, quindi via alle 13:30, dopo il pranzo, con passaggio davanti a Ranco, per le 14 imbarcazioni da Coastal Rowing capaci di affrontare il lago in maniera sicura  e sosta ad Angera attorno alle 14:30. Consueta festosa accoglienza, in questo caso da parte della De Bastiani Angera del presidente Giorgio Vesco, e sosta di 45 minuti prima di affrontare l’ultimo tratto del percorso odierno. Arrivo verso le 17 a Sesto Calende, ospiti del Circolo Sestese Canoa e Kayak.   

Trentuno chilometri oggi, trentacinque invece domani per la quinta tappa. La più lunga, da Sesto Calende a Pallanza dopo un breve momento di riposo a Lesa. “I volti soddisfatti dei canottieri ci stanno sicuramente ripagando dei grandi sforzi portati avanti per organizzare il World Rowing Tour – afferma Luigi Manzo, presidente della Canottieri Luino – Sta funzionando in maniera perfetta questa operazione di squadra che vede coinvolti anche i club che, a ogni tappa, riservano la migliore accoglienza ai partecipanti, davvero molto felici non soltanto per la possibilità di remare sul nostro lago ma anche e soprattutto per i rapporti di amicizia che stanno nascendo in acqua chilometro dopo chilometro”.

Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore è curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino).  Strettissima la collaborazione con AREU Lombardia, Croce Rossa Italiana, OPSA, Società Nazionale Salvamento, Federazione Ticinese Servizi Ambulanze, Protezione Civile Luino e Sub Alto Verbano che si occupano del comparto Safety. La Security è demandata alla interconnessione sinergica dei reparti navali della Polizia Nautica Provinciale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Qualificata anche la presenza delle aziende Partner coinvolte nel supporto degli eventi; oltre al citato Cantiere Filippi, tra i principali si annoverano ICIM, 6DVision, NovaCOOP, Autolinee Varesine e Banca Popolare di Bergamo.

 

Foto Claudio Cecchin

Il World Rowing Tour approda ad Arolo dopo una sosta a Caldè

CEC_1623]Tappa completa, senza problemi meteorologici, in occasioni terza giornata del World Rowing Tour. Lago Maggiore piattissimo, solo un po’ di vento da Sud, per i 74 partecipanti (19 nazioni) coordinati dalla Canottieri Luino e possibilità, quindi, di remare e, allo stesso tempo, godersi il panorama circostante. Alle 10 il via da Maccagno per tutte e 14 imbarcazioni: i 4 di coppia passano prima davanti a Luino con arrivo a Caldè attorno a mezzogiorno. Calda accoglienza da parte della locale Canottieri della presidente Marinella Fiocchi. Pranzo a base di pasta al pomodoro e dolce prima di visitare la Chiesa di Santa Veronica. Alle tredici e trenta la ripartenza in direzione Arolo: tutte le barche fermano per ammirare il Monastero di Santa Caterina del Sasso. Arrivo ad Arolo con rinfresco offerto dal presidente Davide Ferretti e dal suo staff. Alle 18 ritorno verso la Schiranna, al quartier generale del World Rowing Tour presso l’hotel Mariuccia della Schiranna a Varese. Domattina ritorno ad Arolo per visitare il Monastero di Santa Caterina del Sasso, tutti in acqua alle 11 in direzione Angera. Dopo la sosta per il pranzo, i partecipanti vogheranno verso Sesto Calende. In totale un chilometro in più, trentuno anziché trenta, rispetto a oggi.

 

CEC_1665]Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore è curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino).  Strettissima la collaborazione con AREU Lombardia, Croce Rossa Italiana, OPSA, Società Nazionale Salvamento, Federazione Ticinese Servizi Ambulanze, Protezione Civile Luino e Sub Alto Verbano che si occupano del comparto Safety. La Security è demandata alla interconnessione sinergica dei reparti navali della Polizia Nautica Provinciale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Qualificata anche la presenza delle aziende Partner coinvolte nel supporto degli eventi; oltre al citato Cantiere Filippi, tra i principali si annoverano ICIM, 6DVision, NovaCOOP, Autolinee Varesine e Banca Popolare di Bergamo.

Foto Claudio Cecchin

Conclusa la seconda tappa del World Rowing Tour sul lago Maggiore

 

CEC_0846]Grande apprezzamento da parte di tutti e 74 i partecipanti al World Rowing Tour in programma questa settimana nelle acque del Lago Maggiore, anche per la seconda tappa. Mattinata di riposo, in ragione delle cattive condizioni meteorologiche con forte pioggia. La seconda sessione dell’evento è così partita alle 13, in coincidenza con l’arrivo del sole. Il via a Locarno, con supporto della locale Canottieri, per le quattordici imbarcazioni da Coastal Rowing (4 di coppia Filippi con timoniere) che hanno costeggiato prima la sponda svizzera e poi quella lombarda. CEC_1018]Arrivo a Maccagno attorno alle 16:45 dopo circa venticinque chilometri di voga. Cinque in più rispetto a quanto preventivato ieri vista la buona situazione del lago. Volti stanchi ma soddisfatti all’arrivo dopo questa seconda frazione dell’itinerario studiato e realizzato dalla Canottieri Luino. A Maccagno, rinfresco per tutti e successivo rientro alla Schiranna per l’alloggio.  Domani alle 9:30 barche in acqua a Maccagno con sosta a Caldè, dopo esser passati da Luino, e ripartenza per Arolo. I vogatori passeranno così sotto il Monastero di Santa Caterina del Sasso, presente in forma stilizzata nel logo dell’evento.  In totale sono trenta i chilometri da percorrere complessivamente.  

 

Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore è curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino).  Strettissima la collaborazione con AREU Lombardia, Croce Rossa Italiana, OPSA, Società Nazionale Salvamento, Federazione Ticinese Servizi Ambulanze, Protezione Civile Luino e Sub Alto Verbano che si occuperanno del comparto Safety. La Security è demandata alla interconnessione sinergica dei reparti navali della Polizia Nautica Provinciale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Qualificata anche la presenza delle aziende Partner coinvolte nel supporto degli eventi; oltre al citato Cantiere Filippi, tra i principali si annoverano ICIM, 6DVision, NovaCOOP, Autolinee Varesine e Banca Popolare di Bergamo.

Primi chilometri per i partecipanti al World Rowing Tour sul lago Maggiore

cerimoniaScatta ufficialmente, nelle acque del Lago Maggiore, il World Rowing Tour con la partecipazione di 74 vogatori in arrivo da Argentina, Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, India, Irlanda, Israele, Norvegia, Olanda, Stati Uniti, Sudafrica, Svizzera e Zimbabwe. Ieri il convegno medico scientifico “L’acqua amica del rene” ambientato all’auditorium di Maccagno e la cena di benvenuto all’Hotel Mariuccia di Varese, oggi giornata dedicata alla prima tappa. Partenza da Maccagno, sede anche della cerimonia apertura svoltasi alla presenza del Sindaco di Maccagno Fabio Passera, del consigliere con delega allo Sport del Comune di Luino Marco Rossi, del delegato Coni Varese Marco Caccianiga e del presidente della Canottieri Luino Luigi Manzo. Tutti ai remi, sulle imbarcazioni a quattro vogatori con timoniere messe a disposizione dal partner Filippi. Arrivo ad Ascona attorno alle 13, poi successiva ripartenza per Locarno a conclusione così dei primi chilometri attorno alle 14. Viste le previsioni meteorologiche, domani la Canottieri Luino farà partire i 14 equipaggi alle ore 13 da Locarno con arrivo direttamente a Maccagno dopo circa 20 chilometri, quindi al termine di un percorso più breve del previsto.

Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore è curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino).   

ICIM sostiene la Canottieri Luino: un esempio di valore e di sostenibilità

logo&PayOff webL’assegnazione alla Canottieri Luino dei due importanti appuntamenti autunnali del Fisa World Rowing Tour e dei Campionati Italiani Assoluti e Master di Coastal Rowing è un importante riconoscimento della capacità organizzativa e aggregativa della del club remiero verbano, una società che ICIM, Ente di Certificazione indipendente, sostiene ormai da diversi anni: un coinvolgimento nato dalla passione autentica per uno sport duro e bellissimo che ci ha portato, nel tempo, a operare anche professionalmente negli eventi del settore.

ICIM ha, infatti, certificato quali eventi sostenibili secondo la ISO 20121 i Campionati Mondiali di Canottaggio Under 23 2014 e la II Tappa della Coppa del Mondo di Canottaggio 2015 entrambi tenutisi sul lago di Varese: in particolare, i Campionati Mondiali di Canottaggio Under 23 sono stati la prima competizione agonistica remiera al mondo – e una delle prime in assoluto in ambito sportivo – certificata per la sostenibilità.

Gli eventi in programma sul Lago Maggiore coordinati dalla Canottieri Luino si apprestano a diventare un esempio di sostenibilità ambientale, sociale ed economica per la loro inclusività e per il ritorno turistico e di immagine che sapranno assicurare: caratteristiche che non passano inosservate agli occhi di ICIM, da sempre a fianco delle realtà che fanno di innovazione e sostenibilità un volano di sviluppo e di integrazione.

 

ICIM è un Ente di Certificazione indipendente che si rivolge a tutti i segmenti di mercato: possiede una comprovata expertise in svariati settori, tra questi sostenibilità, ciclo di vita dei prodotti, edifici, biocarburanti, standard SR 10 (IQnet) per la responsabilità sociale. Già leader nella certificazione industriale per meccanica e impiantistica, sistemi di gestione della qualità, ambiente, sicurezza sul lavoro, antieffrazione e termoidraulica, ICIM è uno dei principali esperti in Italia e nel mondo nella certificazione dei sistemi di gestione dell’energia, dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili.

Per ciò che concerne gli eventi sostenibili ICIM è l’ente di riferimento per la norma ISO 20121 in Italia, avendo certificato il più alto numero di eventi, tutti importanti e di diversa tipologia: grandi fiere internazionali, incontri corporate, convegni, eventi sportivi, di formazione, ecc.

Con la certificazione delle figure professionali, ICIM garantisce al mercato la presenza di operatori qualificati e l’armonizzazione delle competenze a livello europeo.

Infine, con la Fabbrica della Conoscenza, ICIM mette a disposizione la sua esperienza con corsi formativi per aziende e professionisti.

www.icim.it

 

World Rowing Tour e Tricolori Coastal:  un mese di grandi eventi remieri per il Lago Maggiore

presentazione_WorldRowingTour_2015_LuinoTra settembre e ottobre, si accende la grande passione per il Canottaggio nelle acque del lago Maggiore.  Dal 12 al 20 settembre, il World Rowing Tour porterà in Italia  74 vogatori in arrivo da Argentina, Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, India, Irlanda, Israele, Norvegia, Olanda, Stati Uniti, Sudafrica, Svizzera e Zimbabwe. Sabato 10 e domenica 11 ottobre, Luino sarà capitale del Coastal Rowing in occasione della decima edizione dei Campionati Italiani dedicati a questa specialità con la partecipazione di oltre 400 canottieri in arrivo da tutta Italia. Prima assoluta per questa competizione remiera, mai ospitata su “acque dolci”, che vede il Verbano proporsi come nuovo protagonista di eventi ufficiali di Coastal Rowing, disciplina in forte espansione e sulla quale la società luinese ha investito sin dal 2008 creando un proprio Centro dedicato.

In cabina di regia, per entrambi gli eventi, la Canottieri Luino.

Questa mattina, a Villa Recalcati, si è tenuta la presentazione ufficiale. Gunnar Vincenzi,  Presidente della Provincia di Varese, sottolinea che “il canottaggio valorizza il nostro territorio. Dopo i successi della Schiranna ora a Luino un altro evento internazionale. La Provincia, oggi, non ha la possibilità di intervenire economicamente sugli eventi, ma la presenza come istituzione è assolutamente garantita. Speriamo ci possa essere una riforma future per riprendere a sostenere le attività di valorizzazione del nostro territorio”.

Tocca al Sindaco di Luino, Andrea Pellicini, evidenziare che “Varese è la Provincia dei Laghi. Questo evento esalta il Maggiore e Luino, rinforzando la collaborazione tra i Comuni del Lago. La Canottieri Luino è formidabile”. Questo l’intervento di Fabio Passera, Sindaco di Maccagno. “Grazie alla Canottieri Luino, capace di unire tante realtà per l’organizzazione di questo evento. Fare squadra con altri sport, istituzioni e associazioni è un messaggio formidabile e un esempio per tutti”. Marco Caccianiga (Delegato CONI Varese) evidenzia i fattori di successo. “Sono nuovo, ma in queste poche settimane ho potuto conoscere uno sport meraviglioso. Ho imparato che il nostro territorio è perfetto per questo sport per due motivi principali: qualità naturali dei laghi e capacità organizzativa. Il CONI può e deve essere orgoglioso”. In rappresentanza della Federazione Italiana Canottaggio, è il consigliere Luciano Magistri a mettere in relazione due importanti aspetti.  “Questo evento mi regala una doppia soddisfazione, sia personale che federale. La FISA oggi crede in noi, ci  ha affidato un evento con la consapevolezza che i tempi organizzativi erano molto stretti. Sono nato sul Lago Maggiore, un bacino spesso considerate nemico per via del vento che oggi diventa essenza per questo tipo di manifestazioni. Vedere il mondo sul mio lago sarà un’emozione”.  

Luigi Manzo, presidente della Canottieri Manzo, è molto felice.  “I tempi sono stati davvero ridotti all’osso, ma ora ci siamo davvero grazie ad una squadra meravigliosa. Coastal sul Lago Maggiore e canottaggio olimpico a Varese rendono la Provincia e la Lombardia un vero tempio del remo. Il world Rowing Tour sarà un evento di tutto il Lago Maggiore. Un sogno? Un Campionato del Mondo Coastal Rowing sul Lago Maggiore”.

A fine conferenza è stato presentato il piano sicurezza da Guido Gazzena (AREU Lombardia) e la Canottieri Luino è ufficialmente entrata nel mondo UNASCI  (Unione Nazionale Associazioni Sportive Centenarie d’Italia) con investitura da parte del Presidente Nazionale Bruno Gozzelino.

Lo Sport, in questo caso il Canottaggio, come veicolo di promozione del territorio in chiave turistica. FISA World Rowing Tour, mai ospitato in Italia prima d’ora, vedrà i partecipanti impegnati in un itinerario di 180 chilometri: ore e ore ai remi, sulle imbarcazioni Coastal messe a disposizione dal partner Filippi (ditta leader in campo mondiale nella produzione di barche da Canottaggio), con possibilità di entrare a contatto con lo splendido scenario circostante.  

Il World Rowing Tour sul Lago Maggiore, curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino), si aprirà sabato 12 settembre con la cena di benvenuto a tutti i canottieri. Il giorno successivo, alle 9:30 di domenica 13 settembre, la cerimonia d’apertura a Maccagno e la prima rotta da seguire: i 32 chilometri che da Maccagno condurranno a Locarno passando per Ascona. Lunedì 14 settembre ripartenza da Locarno per altri 30 km: dopo una sosta a Cannobio, si tornerà a Maccagno. Martedì 15 settembre verrà coperta la stessa distanza del giorno precedente con arrivo ad Arolo dopo il break a Caldè. Un chilometro in più, invece, mercoledì 16 settembre con partenza da Arolo e linea del traguardo a Sesto Calende con passaggio da Angera. Prima di remare, però, è prevista alle 9 la visita all’Eremo di Santa Caterina del Sasso. Giovedì 17 settembre la tappa più lunga: 35 chilometri per arrivare a Pallanza dopo aver fatto tappa a Lesa. Venerdì 18 settembre, l’ultima tappa: quella più “leggera”, con gli ultimi 22 chilometri in direzione Cannero, meta culturale con visita ai castelli, e rientro a Maccagno, sede del party di chiusura (19:30) di sabato 19 settembre dopo la visita al lago Ceresio (9:30), pranzo a Lavena Ponte Tresa (13) e successiva visita alla città di Luino (16:30).

 

“Il FISA World Rowing Tour è una grande opportunità per unire Sport, Cultura e Turismo ed infatti molti partecipanti prolungheranno la loro permanenza per visitare la provincia di Varese, la Lombardia e in generale l’Italia – spiega il membro della commissione internazionale “Canottaggio per Tutti” Warwick Marler – Durante la mia visita in loco nel mese di marzo, la mia prima volta sul Lago Maggiore, sono stato colpito dalla sua bellezza e dalle meravigliose opportunità di Canottaggio offerte, al pari dei luoghi culturali presenti nei suoi dintorni, e sono molto felice per il grande impegno del Comitato Organizzatore nella preparazione del grande itinerario, caratterizzato anche da tanti spunti di conoscenza della cultura italiana”.

Attraverso il Lago Maggiore Rowing Tour, la Canottieri Luino aderisce al Kafue River Rowing Centre Project ogni partecipante contribuirà, a partire da 10 euro, con donazioni in favore dello sviluppo dell’ambizioso progetto di costruire un centro remiero nello Zambia. Si uniranno così ad altri oltre mille canottieri sostenitori dell’iniziativa lanciata dalla FISA assieme al WWF.

Il grande interesse suscitato da questi eventi, che costituiscono un forte strumento di promozione, è misurato dalla presenza di molti partner istituzionali.  Oltre alla Provincia di Varese ed ai Comuni di Luino e Maccagno, che operano in stretta sinergia con gli Organizzatori, ecco anche Regione Lombardia, Regio Insubrica, Comunità Montana Valli Luinesi e la Camera di Commercio di Varese. Inoltre i Comuni di Castelveccana, Sesto Calende, Verbania, Oggebbio e Cannobio.

Il World Rowing Tour toccherà pure il Comune di Lavena Ponte Tresa e la Comunità Montana del Piambello che saranno prossimamente protagonisti di importanti iniziative di promozione sportiva remiera.

Strettissima la collaborazione con AREU Lombardia, Croce Rossa Italiana, OPSA, Società Nazionale Salvamento, Federazione Ticinese Servizi Ambulanze, Protezione Civile Luino e Sub Alto Verbano che si occuperanno del comparto Safety.

La Security è demandata alla interconnessione sinergica dei reparti navali della Polizia Nautica Provinciale, dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Qualificata anche la presenza delle aziende Partner coinvolte nel supporto degli eventi; oltre al citato Cantiere Filippi, tra i principali si annoverano ICIM, 6DVision, NovaCOOP, Autolinee Varesine e Banca Popolare di Bergamo.

Sabato 12 settembre il World Rowing Tour sarà preceduto da un Convegno medico scientifico “L’acqua amica del rene” organizzato da ANED (Associazione Nazionale Emodializzati e Trapiantati), da Fondazione Macchi Ospedale di Circolo di Varese presso l’Auditorium di Maccagno, sui temi della dialisi e delle patologie nefrologiche. Con la collaborazione della Canottieri Luino si disputerà altresì una regata dimostrativa internazionale “Dialisi in Voga” con equipaggi italo-svizzeri composti da pazienti, medici ed infermieri a simboleggiare che, come in un affiatato equipaggio, “insieme si può vincere”.

 

IL SALUTO DELLA FEDERAZIONE  ITALIANA CANOTTAGGIO

abbaIl miglior modo per far conoscere le bellezze del territorio italiano, a mio avviso, è organizzare eventi internazionali e nazionali che portino su questi luoghi persone provenienti da altri Paesi, che possiedono una diversa estrazione sociale e una diversa cultura, in modo da condividere con loro le peculiarità del Bel Paese. Il FISA World Rowing Tour e il Campionato Italiano di Coastal Rowing rientrano appieno tra questi eventi soprattutto perché si svolgono in uno scenario di rara bellezza com’è il comprensorio del Lago Maggiore. Per questo motivo sono convinto che chi arriverà in questi luoghi così suggestivi ne rimarrà estasiato, poiché remare ammirando la natura che circonda il lago Maggiore attenuerà anche le fatiche dei concorrenti. Gli accompagnatori, inoltre, potranno seguire le regate e visitare piacevolmente i luoghi storici del lago come le Isole Borromeo, famose nel mondo per l’architettura degli splendidi palazzi e dei relativi giardini che arricchiscono anche la qualità del paesaggio.

Ringrazio, quindi, gli organizzatori del World Rowing Tour che fanno capo alla Canottieri Luino dell’infaticabile Presidente Luigi Manzo, deus ex machina delle organizzazioni internazionali in Lombardia. Un uomo che, insieme alla sua Società, è riuscito a catalizzare, in maniera collaborativa e costruttiva, l’interesse di alcune società lombarde quali l’Arolo, la Caldè, la Ispra, la De Bastiani Angera e piemontesi come la Pallanza e la Cannero. Le Amministrazioni dei Comuni toccati dal Tour, inoltre, potranno trarne solo grandi benefici di interesse turistico, mentre il canottaggio nazionale avrà ancora un ulteriore vanto per aver ospitato un evento remiero con un’organizzazione impeccabile come avviene, da qualche anno in maniera continuativa, sui laghi lombardi.

È bene ricordare altresì che il FISA Rowing Tour, previsto dal 12 al 20 settembre, anticipa di circa un mese lo svolgimento del Campionato Italiano di Coastal Rowing che, come ogni anno, assegna i titoli di questa meravigliosa disciplina remiera. Per cui, oltre a dare il benvenuto agli ospiti stranieri e italiani per l’evento internazionale, auspico che i concorrenti italiani partecipanti al Tricolore gareggino nelle regole e soprattutto con la volontà di cogliere il miglior risultato possibile godendosi anche il soggiorno sul Lago Maggiore. Concludo ringraziando tutte le persone che si adopereranno per la buona riuscita delle due manifestazioni, poiché i grandi eventi si poggiano soprattutto sui volontari e il territorio lombardo ha dato, in molte occasioni, grande prova di abnegazione e impegno per il successo di un evento. Ad maiora!

Giuseppe Abbagnale – Presidente Federazione Italiana Canottaggio

 

IL SALUTO DELLA PROVINCIA DI VARESE

vincL’occasione è davvero ghiotta: un doppio appuntamento sportivo, ovvero il FISA World Rowing Tour e i Campionati Italiani di Coastal Rowing e uno scenario da favola, il Lago Maggiore. Tutti coloro che arriveranno sulle sponde del Verbano per godersi gli avvenimenti remieri in programma, avranno modo di poter vivere anche la nostra provincia e di scoprire, senza andare troppo lontano, angoli naturali suggestivi ed edifici architettonici di grandissimo valore e così toccare con mano che Varese e l’intera provincia hanno molto da offrire. Da Presidente della Provincia di Varese, vorrei poi ringraziare e fare i miei complimenti alla Canottieri Luino, società capace di “sfruttare” al meglio la location del Maggiore e incastonare come gemme preziose i due eventi. Appuntamenti, questi che si terranno sul Verbano, che confermano quanto sia viva la passione nella nostra provincia per queste discipline e che mostrano come le nostre acque siano davvero luogo ideale per gli sport remieri in tutte le loro specialità.

Avv. Gunnar Vincenzi – Presidente della Provincia di Varese

IL SALUTO DEL COMUNE DI LUINO

pellAnche quest’anno la Canottieri Luino organizza grandi eventi, capaci di dare slancio internazionale alla nostra Città. La Canottieri si conferma così partner privilegiato del Comune nell’attuazione dell’indirizzo di sviluppo, non solo sportivo, ma anche socio-economico del territorio. Bravi davvero al Presidente Manzo ed a tutti i suoi ottimi collaboratori.

Avv. Andrea Pellicini – Sindaco di Luino

IL SALUTO DEL COMUNE DI MACCAGNO

pasNon è il primo anno che il nostro Comune collabora con la Canottieri Luino. Eppure, ho la netta sensazione che il doppio appuntamento remiero oramai alle porte è destinato a rendere ancora più forte un legame già tanto saldo. Maccagno con Pino e Veddasca fa del suo lago uno degli elementi di forza della propria capacità di attrarre ogni anno migliaia di turisti.

Oggi invece si trasforma come per incanto in un enorme impianto sportivo e in uno spot per un’attività ecologica, sana, di grande promozione per l’intero territorio.

Il sodalizio con la Canottieri Luino fa il paio con l’esperienza pluridecennale che Maccagno ha vissuto con la locale Unione Velica, non a caso attivissimo partner delle due iniziative.

Il Fisa Word Rowing Tour e il Campionati Italiani Assoluti e Master di Coastal Rowing sono due eventi di assoluto rilievo, che faranno accendere sulla nostra località i riflettori di una vastissima platea. Iniziative così nascono innanzitutto da saldissimi rapporti personali che, per quanto mi riguarda, passano attraverso la conoscenza e la stima per il Presidente Luigi Manzo, che non ci ha mai fatto mancare il suo tangibile attaccamento.

Il Parco Giona, il Lungolago di Maccagno sono location che si adattano splendidamente ad avvenimenti sportivi di questo livello.

Mi piace però pensare che questo doppio appuntamento con il Coastal Rowing appartenga all’intero Lago Maggiore, che si stringe attorno a noi per celebrare lo sport che per antonomasia rappresenta la fatica, il gesto atletico, il legame più completo con l’acqua.

Saranno giornate di festa e sono certo che tutti daremo il massimo affinché tutta vada per il meglio. Il resto lo farà la bellezza dei luoghi in cui abbiamo la fortuna di vivere e, nel mio caso, di servire. Sarà il modo migliore per allungare una stagione turistica quest’anno particolarmente baciata dal sole, dal  caldo e dal bel tempo. Sarà anche l’occasione per rinsaldare ulteriormente il rapporto con la Canottieri Luino e diventare uno dei campi di gara più ricercati.

Adesso che la macchina organizzativa gira oramai a pieni giri, la parola passa agli atleti e alle loro imbarcazioni. Che la festa abbia inizio, e sia davvero una festa per tutti.

Fabio Passera – Sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca

 

support

 kaf

http://www.worldrowing.com/environment/kafue-river-rowing-centre/

Il cantiere Filippi partner del World Rowing Tour 2015 sul Lago Maggiore

Coastal_Filippi_Mediterraneo_1Il World Rowing Tour 2015 sul Lago Maggiore, in programma dal 12 al 20 settembre, può contare su una nuova prestigiosa partnership. Il cantiere Filippi, infatti, affianca il proprio marchio all’evento indetto dalla FISA e organizzato dalla Canottieri Luino per promuovere il Canottaggio, a livello internazionale, anche dal punto di vista amatoriale e turistico. Filippi metterà a disposizione 12 imbarcazioni (4 di coppia con timoniere) da Coastal Rowing per i 77 canottieri che affronteranno i 180 km di percorso nell’arco delle sette giornate della manifestazione. Remare sulle acque del lago Maggiore sarà così, allo stesso tempo, impegnativo ma piacevole grazie all’elevata qualità delle imbarcazioni.

Coastal_Filippi_Mediterraneo_3Proprio nel Canottaggio da mare, vengono sviluppate alcune delle ultime novità del cantiere diretto oggi da David Filippi grazie a materiale di alta tecnologia come carbonio e titanio. Il tutto, alla ricerca delle migliori performance e di un’ottima ergonomia. Leader in campo mondiale, Filippi vanta uno straordinario medagliere anche agli ultimi Mondiali Assoluti di Amsterdam con 12 ori, 10 argenti e 9 bronzi.

“Siamo da anni partner ufficiale in numerosi eventi promossi da FISA per sostenere e promuovere il canottaggio nel mondo, non da ultimo il FISA Development Programme – spiega David FilippiSosteniamo quindi con entusiasmo l’organizzazione dell’edizione 2015 del Rowing Tour. Lo scenario meraviglioso del Lago Maggiore è un contesto naturalistico, che aggiunge sicuramente spettacolarità alla manifestazione”. Il valore della partnership. “Gli atleti potranno contare su imbarcazioni da Coastal Rowing di altissima qualità, concepite e realizzate traslando esperienza e competenze maturate in decenni di attività nel canottaggio tradizionale ai massimi livelli” conclude Filippi.

Coastal_Filippi_Mediterraneo_2“Siamo davvero onorati di poter contare sul sostegno di questa straordinaria azienda – afferma il presidente della Canottieri Luino Luigi Manzo La nostra squadra organizzativa lavora con entusiasmo per il World Rowing Tour e la presenza di Filippi aggiunge valori importanti come professionalità e garanzia di alta prestazione”.

Il World Rowing Tour 2015 sul Lago Maggiore, curato dalla Canottieri Luino con la collaborazione dei club remieri italo-svizzeri del Verbano, Arolo, Pallanza e Locarno, dei partner di supporto Cannobio, Ispra, Caldè, Angera e Cannero e il sostegno organizzativo di due circoli canoistici (Circolo Sestese Canoa e Kayak e Canottieri Lesa) e velici (Unione Velica Maccagno e Associazione Velica Alto Verbano Luino), gode  del patrocinio della Regione Lombardia, della Regio Insubrica e Comunità Montana Valli del Verbano. Partner istituzionali di riferimento che stanno operando in stretta sinergia con il Comitato Organizzatore sono la Provincia di Varese e i Comuni di Maccagno e Luino

 

 

Warwick Marler (FISA Rowing for All): “Grande impegno della Canottieri Luino e il Lago Maggiore offre meravigliose opportunità”

WarwickFrancois (2)Warwick Marler è membro della commissione FISA “Rowing for All”. Si occupa, in particolare, dei FISA World Rowing Tour e in tale veste affianca, passo dopo passo, la Canottieri Luino nell’organizzazione dell’evento che si svolgerà nelle acque del Lago Maggiore dal 12 al 20 settembre. Australiano, da circa 20 anni coinvolto dal Canottaggio sia come vogatore sia come dirigente. Al suo fianco, anche nell’esperienza italiana, la moglie Bronwyn. Marler parla della grande sinergia avviata con Luigi Manzo e la sua squadra organizzativa soffermandosi anche sulle ragioni per cui FISA spinge molto per promuovere i FISA Tour e sulla crescita, a macchia d’olio, dell’attenzione per il Coastal Rowing. 

Come nasce la sua passione per il Canottaggio?
“Mia moglie Bronwyn ed io ci siamo avvicinati a questo sport dopo che una delle nostre figlie ha iniziato a remare a scuola. Era il 1995. Entrambe le nostre figlie hanno remato ad alti livelli vincendo titoli sia a livello nazionale sia in campo internazionale. Di conseguenza, mi sono specializzato come allenatore e dirigente. Sono stato coinvolto dalla mia Federazione  per un certo numero di anni. Presidente della Commissione Scolastica, del mio club e, anche attualmente, di Coastal Rowing Australia, il primo club di canottaggio costiero australiano. Ho gareggiato a lungo nella categoria Master, affrontando anche la FISA Master Regatta, ma attualmente ho poco tempo per remare. Assieme a Bronwyn, abbiamo partecipato al FISA World Rowing Tour in Australia nel 1997. La prima di ben 15 esperienze in questa manifestazione al punto tale che nel 2010 l’abbiamo organizzata nel nostro paese.

Il FISA Tour è ormai al centro delle nostre vite. Le imbarcazioni Coastal sono i migliori giocattoli mai avuti per giocare e un tour remiero è la cosa più divertente che si possa fare da seduti”.

Qual è il suo più bel FISA Tour?
Maggy“I FISA Tours sono esperienze molto speciali, ma non riesco a catalogarne uno come il migliore perché tutti quanti sono caratterizzati da emozioni uniche. E’ meraviglioso lo spirito di fraternità che si sviluppo remando con gente che ancora non si conosce abbastanza bene. Spostare la barca, come una squadra, su una distanza di 30 km o più crea un feeling molto importante. Quando si replica questo nel corso degli anni, nascono anche grandi amicizie.

Come è entrato a far parte della FISA?

Nel 2012, sono stato felice di esser chiamato a fare parte della commissione “FISA Rowing for All” e ho assunto proprio la responsabilità organizzativa dei FISA Tour.   Ho fatto tesoro dei contributi di coloro che mi hanno preceduto in questo ruolo:  Jens Kolberg (Norvegia), Stig Fischer (Danimarca) e Bo Gammals (Finlandia). E’ bello avere un parte attiva in programmi ed eventi che promuovono il Canottaggio introducendolo in nuove aree del mondo. Vogliamo creare una sezione speciale sul sito della FISA offrendo a tutti gli appassionati, ma anche e soprattutto a chi non conosce questo sport, collegamenti per alcune opportunità turistiche a remi. Sarà una vera e propria directory mondiale”.

3) Cosa pensa del lago Maggiore e del lavoro svolto dal Comitato Organizzatore?
marler” Durante la mia visita in loco nel mese di marzo, la mia prima volta al Lago Maggiore, sono stato colpito dalla sua bellezza e dalle meravigliose opportunità di canottaggio che offriva. Al pari dei luoghi culturali presenti nei suoi dintorni . Sono molto felice per il grande impegno del Comitato Organizzatore nella preparazione del grande itinerario, caratterizzato anche da tanti spunti di conoscenza della cultura italiana. Tutto ciò si inserisce in una cornice di fondo rilassante e accogliente”

Sport, cultura e turismo: come il FISA World Rowing Tour lega tutti questi elementi?
“Il FISA World Rowing Tour è una grande opportunità per unire questi tre aspetti. Molti partecipanti prolungheranno la loro permanenza per visitare la provincia di Varese, la Lombardia e in generale l’Italia”.

Quali sono le aspettative dei partecipanti?
“Non vedono l’ora di ricevere la meravigliosa ospitalità italiana, provare la cucina locale, remare in uno dei più laghi del mondo, rivedere vecchi e conoscere nuovi amici”.

Come e quanto si è evoluto il Coastal Rowing in questi ultimi anni?
“E’ praticato in tutti e sei i continenti, quattro dei quali sono al centro di gare agonistiche importanti. Il Coastal Rowing è la parte del nostro sport che sta crescendo più rapidamente. Sono coinvolte più di 30 nazioni e quest’anno i Mondiali si svolgeranno a Lima, in Perù, dal 13 al 15 novembe. Tutti gli amanti del Coastal sono invitati a remare nell’oceano Pacifico”.